Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Istituzionali , Ordine

Piano strutturale, le proposte degli Ordini professionali

29 novembre 2010

Piano strutturale, le proposte degli Ordini professionali: dalla tramvia al verde urbano e alla qualità architettonica

I contributi in un documento consegnato alla commissione Urbanistica

29 novembre – La linea 2 della tramvia sui viali di circonvallazione, il verde urbano come contenitore e non come cornice, regole certe per la perequazione. E un programma per la manutenzione straordinaria della città di immediata attuazione.
Sono alcune delle proposte contenute nel documento che la Consulta degli Ordini professionali di Firenze ha consegnato alla commissione Urbanistica del Comune, nell'ambito del percorso di adozione del nuovo Piano strutturale della città. Un documento di 20 pagine in cui la Consulta inteprofessionale affronta punto per punto il Ps, partendo dalla considerazione che manca “per ora un vero e proprio progetto urbanistico della città che abbia come obiettivo la qualità urbana e architettonica della stessa per rispondere alle sfide della contemporaneità”.
L'idea di contenere il dimensionamento “è assolutamente condivisibile – dice il consigliere dell'Ordine degli architetti Antonio Bugatti – ma ora servono regole certe: ad esempio sulla perequazione urbanistica, un sistema in cui è necessario un forte controllo pubblico”.
Un altro esempio è il sistema del verde che, si legge nel documento, “non rimane neppure in secondo piano ma scade a livello di cornice del tutto, quando secondo noi dovrebbe essere il contenitore di tutto”. Perché, dice Bugatti, “Firenze deve ritrovare la naturalità che sta perdendo e lo può fare investendo sul verde e non dimenticando le aree agricole. Bisogna puntare alla “climatizzazione urbana”, che tra l'altro metterebbe in secondo piano la questione del contenimento energetico degli edifici”.
Sulla mobilità, la proposta forte della Consulta degli Ordini è far passare la linea 2 della tramvia sui viali di circonvallazione.
Il sottoattraversamento del centro storico comporterebbe infatti diverse criticità. “Oltre al rischio idraulico – si legge nel documento – le criticità già evidenziate nella Vas (ripercussioni dello scavo sull'edificato, presenza della falda, vincolo archeologico, ecc.)”. Da qui l'idea, ovviamente da studiare, di una “linea tramviaria realizzata appena sotto il piano di campagna (6 o 7 metri, ndr) in asse ai viali di circonvallazione: ciò lascerebbe completamente libera la viabilità di superficie per altri usi (traffico privato, busvie, ecc.). Il collegamento con il centro cittadino potrebbe essere assicurato da piccoli bus a bassa emissione inquinante”.
Infine, gli Ordini professionali avanzano anche una “proposta operativa” da mettere in pratica contestualmente all'adozione del Piano strutturale. “Un programma straordinario, compatibile con il Piano stesso, per la manutenzione straordinaria della città e la realizzazione di strutture sociali di immediata realizzazione, attivando le risorse e un sistema autorizzativo agile, di un miglioramento del patrimonio edilizio e degli spazi pubblici finalizzato all'elevazione della qualità complessiva dell'aspetto urbano e alla implementazione di servizi socialmente utili. Nel contempo – si legge ancora nel documento – si possono attivare studi di fattibilità di aree sicuramente destinate a trasformazione”. Come ad esempio San Salvi o l'area Mercafir.
Un programma del genere potrebbe trovare concreta attuazione nella “realizzazione di alloggi per anziani e asili nido di quartiere, nell'utilizzo dei consistenti fondi regionali per realizzare l'edilizia residenziale sociale, nel lancio di progetti-guida (masterplan) per aree strategiche in piena compatibilità con gli indirizzi del Ps in adozione, nell'incentivazione al miglioramento estetico, funzionale, biocompatibile degli edifici privati e degli spazi pubblici”.

APRILE 2017
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30