Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / News

Vittorio Giorgini

Architetto 1926-2010

22 giugno 2017

VITTORIO GIORGINI Architetto (1926-2010)
La Forma della natura
8 – 30 giugno 2017
Palazzina Reale – Piazza Stazione 50, Firenze
Incontri e lectures

8 giugno
ore 17 – Vittorio Giorgini: Un architetto tra Firenze e New York
Saluti: Roberto Masini / Tommaso Rossi Fioravanti
Apertura dei lavori: Marco Del Francia
Intervengono: Claudio Cantella, Cesare Casati, Carlo Cresti, Marco Dezzi Bardeschi, Paolo Riani.
Opening ore 19.30

15 giugno
ore 17/19 – Vittorio Giorgini: l’attualità della sua ricerca
Apertura dei lavori: Marco Del Francia
Intervengono: Marco Del Francia, Filippo Innocenti/Zaha Hadid Architects, Luigi Prestinenza Puglisi, Abdhelkader Damani / FRAC Centre Orléans.

23 giugno
ore 14/18 – Vittorio Giorgini: una visione sistemica e etica oltre l’architettura
Saluti: Tommaso Rossi Fioravanti
Apertura dei lavori: Silvia Moretti
Intervengono: Marko Pogacnik, Maurizio Martinelli, Kurt Siegrist, Martin Frischknecht, Brigitte Grass, Hans Schroeter, Francisco Merli Panteghini, Carl Fingerhuth, Joachim Eble, Mennekes Friedhelm, Wittfrida Mitterer.

27 giugno
ore 18.30/19 – Vittorio Giorgini: sperimentazione e scenari futuri
Tavola rotonda finale
Apertura dei lavori: Silvia Moretti
Coordinamento: Marco Caratelli, Lucia Lunghi, Michela Tonelli / VibeArch
Modera: Marco Del Francia
Intervengono: Alessio Erioli/Unibo Co–de–iT, David Del Giudice /Zaha Hadid Architects, DIDA UniFi, D.R.E.A.M. Academy FabLab di Città della Scienza, Fabio Forconi/MMXXLab, L. Karim Mousa El Ramly / Mozses, Giuseppe Ridolfi/MAILab – DIDA UniFi.


LUOGHI SACRI / LUOGHI DI FORZA.
La nuova consapevolezza olistica per la progettazione vivente
24 – 25 giugno 2017
Monastero di Santa Marta. In via Santa Marta 7, Firenze.
«Luoghi sacri / Luoghi di forza. La nuova consapevolezza olistica per la progettazione vivente» il progetto si inserisce all’interno della rassegna dedicata a Vittorio Giorgini con lo scopo di sviluppare una riflessione su un nuovo modo di progettare per allargare i nostri orizzonti, per entrare in sintonia con i saperi antichi legati ai luoghi e ai punti di forza.

24 giugno
9.00 – 17.00
Seminario pratico:
Marko Pogacnik, Maurizio Martinelli, Kurt Siegrist, Martin Frischknecht, Brigitte Grass, Hans Schroeter, Francisco Merli Panteghini, Carl Fingerhuth, Joachim Eble, Mennekes Friedhelm, Wittfrida Mitterer.

25 giugno
9.00 – 12.00
Presentazione del Manifesto con le linee guida per una nuova qualità della progettazione ispirata alla consapevolezza olistica.


VIBEARCH WORKSHOP
26 – 30 giugno 2017
Le Murate – Pac Progetti d’arte contemporanea – Firenze
ore 10-18
«VibeArch Workshops» è un programma di cinque giorni in cui sono affrontate le avanzate strategie digitali e la contemporanea ricerca nel campo dell’architettura e della sua comunicazione. L’obiettivo principale è di dare ai partecipanti la possibilità di esplorare nuovi approcci, imparare nuovi metodi, tramite potenziali applicazioni pratiche di linguaggi digitali per la progettazione e per la visualizzazione architettonica.

26 – 27 giugno
Art direction in architecture and visual communication/Karim Mousa El Ramly – Mozses

28 giugno
Design strategies – Maya/Autodesk/Davide Del Giudice – Zaha Hadid Architects – Co-de-iT -DGD.

29-30 giugno
Embodied forces /Alessio Erioli – UniBo Co-de-iT.


VITTORIO GIORGINI Architetto (1926-2010)
Ipotesi per un habitat più naturale
13 – 26 giugno
Triennale di Milano – Palazzo della Triennale
Viale Alemagna 6, Milano
Nell’ambito del progetto Arch week
La mostra riprende il titolo della personale tenuta da Vittorio Giorgini al Centro Attività Visive del Palazzo dei Diamanti di Ferrara, nel 1968. In quell’occasione Giorgini presentava il suo secondo “Manifesto di Spaziologia” (il primo – Manifesto 64 – fu presentato a Firenze nel 1965, in occasione della Prima Triennale Itinerante d’Architettura Italiana Contemporanea). Con questo termine Giorgini postulava l’esistenza di una progettazione più ‘libera’, rispetto alla progettazione classica euclidea, derivata dalle sue ricerche condotte sulla natura. La mostra alla Triennale intende ripercorrere l’attività di ricerca di Vittorio Giorgini attraverso le proposte grafiche e modellistiche, circoscritte al periodo di maggiore sperimentazione dell’architetto fiorentino.
Incontro ed evento espositivo
A cura di
Emilia Giorgi
Con la consulenza scientifica di
Marco Del Francia

La mostra riprende il titolo della personale tenuta da Vittorio Giorgini al Centro Attività Visive del Palazzo dei Diamanti di Ferrara, nel 1968. In quell’occasione Giorgini presentava il suo secondo “Manifesto di Spaziologia” (il primo – Manifesto 64 – fu presentato a Firenze nel 1965, in occasione della Prima Triennale Itinerante d’Architettura Italiana Contemporanea). Con questo termine Giorgini postulava l’esistenza di una progettazione più ‘libera’, rispetto alla progettazione classica euclidea, derivata dalle sue ricerche condotte sulla natura. La mostra alla Triennale intende ripercorrere l’attività di ricerca di Vittorio Giorgini attraverso le proposte grafiche e modellistiche, circoscritte al periodo di maggiore sperimentazione dell’architetto fiorentino.
Evento espositivo


VITTORIO GIORGINI Architetto (1926-2010)
Un progetto per l’arte / «Quadrante» (1961 – 1964)
16 giugno – 1 ottobre 2017
Museo Novecento – Piazza Santa Maria Novella 10, Firenze

All’interno del Museo del Novecento è ricostruita una porzione della galleria Quadrante, una delle gallerie d’arte più significative della scena fiorentina degli anni ’60, e diretta da Matilde Giorgini. Fu crocevia delle tendenze artistiche del momento, supportata dal contributo dei principali critici d’arte dell’epoca attraverso bollettini che accompagnavano le mostre, e si caratterizzò per l’allestimento ideato da Vittorio Giorgini, che ne sottolineò – secondo il desiderio della sorella Matilde – la necessità di un forte legame fra i linguaggi che doveva investire, unendo architettura e pittura in una identica ricerca. Proprio l’intervento, nel cuore del tessuto storico fiorentino, indusse Lara Vinca Masini a intitolare un incisivo e illuminante articolo su Quadrante, “nella tradizione contro la tradizione”.
L’evento permetterà di tratteggiare, attraverso l’esposizione in altre sale, la figura di Vittorio Giorgini attraverso il rapporto con gli artisti, tra stima, affetto e affinità professionali. Sarà possibile ripercorrere questi rapporti attraverso lettere, cartoline, foto, cataloghi con dediche, disegni e opere pittoriche, presenti nell’archivio Vittorio Giorgini.
In particolare in una piccola sala proiezione, sarà mandato in loop il sonoro della conferenza che André Bloc tenne al Quadrante il 10 novembre 1962 in occasione della inaugurazione della sua mostra, unitamente a fotografie di quell’evento conservate presso Biblioteque Kandinsky del Centre Pompidou.
A cura di Marco Del Francia,Valentina Gensini, Silvia Moretti

16 giugno
Valentina Gensini, Marco Del Francia, Tommaso Rossi Fioravanti
ore 18.00 – Opening
26 giugno
ore 17.00 – Vittorio Giorgini e «Quadrante»
Collegamento con Lara Vinca Masini
Intervengono: Cristina Degl’Innocenti, Marco Del Francia, Valentina Gensini, Silvia Moretti, Susanna Ragionieri.

27 settembre
ore 17 .00 – Andrè Bloc / Archivio del Moderno Accademia di Architettura
di Mendrisio
Introduce: Valentina Gensini
Intervengono: Marco Del Francia, Annalisa Viati Navone, Paolo Amaldi, Accademia del Moderno di Mendrisio, École Nationale Supérieure d’Architecture, Versailles.


ARCHITECTS MEET IN SELINUNTE
29 giugno – 1 luglio 2017
Selinunte (Trapani)
a cura di Luigi Prestinenza Puglisi e Associazione Aiac
intervento di Marco Del Francia sulla figura di Vittorio Giorgini.


BARATTI PAVILLON
Parco Archeologico di Baratti e Populonia
Luglio – settembre 2017
Baratti(Livorno)
Programma multidisciplinare di eventi culturali: workshop sperimentali, rassegne cinematografiche, conferenze, mostre.
A cura di B.A.Co. Archivio Vittorio Giorgini: Marco Del Francia, Grazia Benesperi, Fabio Caciagli, Marta Coccoluto, Jacopo Formaioni, Cristina Guerrieri, Francesca Lampredi, Roberto Scateni.


VITTORIO GIORGINI Architetto (1926-2010)
La valorizzazione dell’opera attraverso l’archivio
5 ottobre 2017
Centro per l’Arte Contemporanea L. Pecci, Prato
Un covegno che prende in esame la funzione dell’archivio per la valorizzazione dell’opera di Vittorio Giorgini. L’archivio è stato dichiarato “di interesse storico particolarmente importante” con Decreto N° 229/2013 dalla Soprintendenza Archivistica della Toscana e Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana.
Il bagaglio di documenti conservati racconta la decennale e particolare ricerca di avanguardia dell’architetto fiorentino. Un bene culturale, quello degli archivi dell’architettura di età contemporanea, prezioso ma fragile, indispensabile ma deperibile, almeno quanto il patrimonio documentario dell’architettura di età antica e moderna. Raccontare il case study dell’archivio Vittorio Giorgini e della sua promozione, è occasione per approfondire i temi legati alle azioni di tutela e valorizzazione di questo particolare bene culturale documentario.

LUGLIO 2017
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30