Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Enti , Istituzionali

Domande di voltura – modalità di presentazione

Agenzia delle entrate

Per ottimizzare le attività di front-office catastale di quest’Ufficio e ridurre i tempi di attesa per l’utenza, è opportuno utilizzare al meglio i mezzi e le modalità già disponibili, come di seguito indicato.

Si fa riferimento alle domande di voltura presentate ancora oggi allo sportello dell’ufficio inerenti:
a) la provincia di Firenze
b) altre provincie del territorio nazionale, cd “fuori provincia”, che invece potrebbero essere utilmente presentate per posta.

Al riguardo è utile richiamare quanto già ben evidenziato sul sito internet dell’Agenzia (www.agenziaentrate.gov.it), seguendo il percorso: Cittadini > fabbricati e terreni > aggiornamento dati catastali-voltura catastale > come e dove richiedere la voltura.

“… la dichiarazione può essere spedita per posta raccomandata o per posta elettronica certificata all’indirizzo Pec dell’ufficio provinciale – Territorio competente.
In caso di spedizione postale occorre allegare anche:

  • la ricevuta del pagamento della somma dovuta eseguito su conto corrente postale dell’ufficio
  • la fotocopia di un documento di identità valido
  • una busta affrancata per la restituzione della ricevuta
  • il proprio recapito (posta elettronica, numero telefonico) e il domicilio per eventuali comunicazioni.

In caso, invece, di trasmissione per posta elettronica certificata bisognerà inviare la stessa documentazione (ad eccezione della busta affrancata) scansionata in formato “pdf”, e l’eventuale delega (gli allegati non devono superare complessivamente la dimensione di 3 megabyte). Inoltre, è possibile inviare anche il file informatico in formato “.dat” prodotto con Voltura 1.1.
E’ possibile delegare un’altra persona alla presentazione della domanda. In questo caso, è necessario allegare alla documentazione anche la delega oppure la lettera di incarico professionale firmata dal dichiarante e dal tecnico designato e copia, in carta libera, di un documento di identità del dichiarante.”

 

Queste indicazioni, diventano ancor più importanti in relazione alla presentazione di domande di volture fuori provincia, per le quali è più efficace, efficiente ed economico, inoltrarle direttamente all’Ufficio di competenza. In questi casi infatti, l’adempimento dell’obbligo presso l’Ufficio di Firenze, come spesso oggi ancora avviene, comporta una evidente diseconomicità sia in termini di attesa per l’utenza privata o professionale che in ragione delle evitabili attività cui l’Ufficio deve provvedere per l’inoltro alla struttura provinciale competente.

Allo scopo di facilitare l’invio per pec delle volture agli uffici competenti, si evidenzia che tutti gli indirizzi di posta certificata necessari possono essere individuati sul sito internet dell’Agenzia, seguendo il percorso:
“L’Agenzia >Uffici e pec > posta elettronica certificata Territorio”.
Nella maschera che si apre per l’Ufficio selezionato comparirà a destra il link:
“catasto e cartografia”, aprendo il quale, nella sezione “modalità di pagamento” è possibile individuare l’Iban di ciascun Ufficio italiano, su cui effettuare il bonifico per il pagamento di quanto dovuto per la presentazione della domanda di voltura.

Per facilitazione, si riportano di seguito i dati di quest’Ufficio:

Infine, si ritiene utile rammentare che dal 1 gennaio 2019 sarà obbligatorio l’invio telematico della denuncia di successione ed è quindi conveniente da subito utilizzare il relativo modello unico, che agevola l’assolvimento dell’obbligo della voltura catastale. In tal caso, si ha una convenienza economica sul pagamento dell’imposta di bollo, oltre alla ovvia comodità di evitare attese allo sportello.

AGOSTO 2018
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26