Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Istituzionali , News , Ordine

Ordine e Fondazione Architetti Firenze: “Fondamentale difendere lo strumento del concorso”

COMUNICATO STAMPA

Dopo la vicenda del Palazzo dei Diamanti di Ferrara, l’Ordine degli Architetti e la Fondazione Architetti Firenze sostengono e invitano a sottoscrivere la petizione per “ricordare ancora una volta la propria convinzione che lo strumento del concorso sia fondamentale per promuovere il progetto quale elemento di crescita e trasformazione di questo Paese”.
“Quando un concorso si è concluso rispettando le norme di riferimento i suoi esiti non possono essere annullati come se nulla fosse”

 

Firenze, 17 gennaio 2019
L’Ordine degli Architetti e la Fondazione Architetti Firenze sostengono e invitano a sottoscrivere questa petizione (change.org), con lo scopo di ricordare ancora una volta la propria convinzione che lo strumento del concorso sia fondamentale per promuovere il progetto quale elemento di crescita e trasformazione di questo Paese, con modalità democratica, trasparente e coerente a regole riconosciute in ambito nazionale e internazionale. La centralità dell’Architettura nel processo di evoluzione è indiscussa e il linguaggio della contemporaneità non si contrappone, come si vuol far credere, all’identità e alla memoria.

“Il concorso deve avere sempre determinati requisiti di trasparenza e correttezza – continuano Ordine e Fondazione Architetti Firenze – ma come gli altri processi amministrativi quando si è concluso rispettando le norme di riferimento i suoi esiti non possono essere annullati come se nulla fosse, non solo per il rispetto della dignità professionale e della competenza di progettisti, giurati e funzionari della Soprintendenza, ma soprattutto per l’interesse della collettività le cui risorse verrebbero altrimenti sprecate, e non ci riferiamo solo a quelle economiche. Ogni strumentalizzazione (politica?) produce inutile retorica e una battuta di arresto per la valorizzazione dei beni culturali e per il loro ruolo nella contemporaneità”.

GIUGNO 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30