Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

30 aprile – 6 maggio 2019

Tav e Foster

“I lavori dell’Alta velocità di Firenze restano congelati. Il ministro per lo Sviluppo economico Luigi Di Maio ha dato il via libera al piano proposto dai commissari scelti dal Tribunale fallimentare di Roma per far ripartire i cantieri in mano a Condotte spa, che è subentrato, acquistando Nodavia, nell’appalto dell’Alta velocità fiorentina. Ma nel lungo elenco di opere che potranno ripartire, il tunnel e la stazione Foster non ci sono”: a scriverlo il 30 aprile è il Corriere Fiorentino.
Sempre il i, il 4 maggio riportava che “Un mese fa, il sindaco Dario Nardella aveva chiesto che sul tavolo del governo arrivasse il dossier dell’Alta velocità ferroviaria. Da allora, l’unico segnale del governo è stato invece l’esclusione dei cantieri Tav fiorentini dalla lista di quelli che sono ripartiti dopo l’accordo tra il ministero e i commissari fallimentari di Condotte, l’azienda che ha l’appalto. E allora, il sindaco di Firenze Dario Nardella quel dossier sull’Alta velocità lo ha consegnato brevi manu al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Cinque pagine che partono con una foto, quella del ‘camerone’ realizzato a metà, oltre 400 metri per 45, con tutte le infrastrutture in metallo, il cantiere congelato della stazione Foster. ‘No ad una incompiuta’ è il capitolo finale dell’incartamento consegnato a Conte”.

 

Pali alla stazione

“In attesa di capire se, come e quando sarà possibile intervenire sulla selva dei pali spuntati per alimentare la tramvia (ed annessi quelli per le luci sui binari e le fermate), Palazzo Vecchio ha scelto di mettersi a lavorare per togliere quelli ben più semplici dell’illuminazione pubblica”: lo riporta il Corriere Fiorentino, che spiega che “l’annuncio è arrivato dal sindaco Dario Nardella presentando il progetto della linea 4 della tramvia”. Il progetto, continua il giornale, “punta a togliere tra i 20 ed i 28 pali presenti da piazza Adua a piazza Unità d’Italia”. I pali della luce “dovrebbero sparire quasi tutti, sostituiti da bracci, collocati sui palazzi, che – anche grazie alle nuove luci a led – potranno illuminare allo stesso modo tutta l’area”, scrive ancora il Corriere Fiorentino.

 

Affitti turistici

“Dall’inizio del 2019, per la prima volta dall’esplosione di dieci anni fa, è diminuito il numero degli appartamenti offerti in locazione ai turisti”: a scriverlo è La Nazione. “Non si può parlare di crisi del settore extraalberghiero, perché si tratta di percentuali minime. E comunque bisognerà attendere i dati del terzo trimestre 2019 per avere un quadro più chiaro. Ma ci troviamo di fronte a un calo di questo tipo di offerta, per la prima volta nel grafico di analisi la linea scende anziché salire”: sono le parole di Alessandro Tortelli, direttore del Centro studi turistici, riportate dal giornale.

 

Restauro delle Rampe

“Il prossimo 18 maggio – festa di inaugurazione dalle 16,30 alle 23, con spettacoli, musica e visite guidate – sarà finalmente completato il restauro delle Rampe del Poggi, sul viale dei Colli. Dopo quasi un secolo, così, il sistema di fontane e cascate del suggestivo camminamento sopra la torre di San Niccolò tornerà all’antico splendore, con zampilli e giochi d’acqua ad adornare le scalinate ottocentesche ideate dall’architetto fiorentino e dal suo braccio destro Attilio Pucci per il ‘risanamento’ di Firenze”: ad annunciarlo è il Corriere Fiorentino.

MAGGIO 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26