Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Enti , Istituzionali

disposizioni in materia di costruzioni in zone sismiche

Linee Guida di prima applicazione

Linee Guida di prima applicazione delle disposizioni in materia di costruzioni in zone sismiche di cui all’articolo 3 del decreto legge 18 aprile 2019, n.32 (Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici)”.

 

Facendo seguito alle procedenti comunicazioni, si informa che con Delibera di Giunta regionale della Toscana n. 663 del 20 Magio u.s., sono state approvate le “Linee Guida di prima applicazione delle disposizioni in materia di costruzioni in zone sismiche di cui all’articolo 3 del decreto legge 18 aprile 2019, n.32 (Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici)”, allegate in copia, che:

  • Individuano le disposizioni dell’ordinamento regionale non più applicabili, in quanto incompatibili con la normativa statale sopravvenuta, in modo da assicurare la necessaria certezza normativa a tutti i soggetti interessati che operano in Toscana ( Progettisti, stazioni appaltanti, uffici della sismica, uffici tecnici comunali). Ciò anche nelle more dell’emanazione della legge di conversione del decreto legge statale, ai sensi dell’articolo 77 della Costituzione, e del successivo adeguamento delle disposizioni regionali alle norme definitive nazionali, stante la necessità di garantire ai professionisti le attività professionali di competenza.
  • Dando attuazione a quanto stabilito dall’articolo 94 bis, comma 2 del d.p.r.380/2001 che attribuisce specifici compiti alle regioni, individuano le nuove opere complesse, le opere prive di rilevanza ai fini della pubblica incolumità nonché le varianti non sostanziali per le quali non è necessario il deposito preventivo che, nelle more dell’emanazione di linee guida statali, a cui le linee guida regionali dovranno adeguarsi, sono necessari ed urgenti proprio per consentire l’applicazione delle disposizioni del DL stesso, ovvero consentire senza soluzione di continuità la prosecuzione di tutte le attività connesse all’edilizia.

Essendo in corso di completamento l’adeguamento di PORTOS alle disposizioni del DL 32/2019 e delle linee guida di cui sopra, con specifica comunicazione, postata anche sulla Home Page di PORTOS stesso, sarà comunicata l’operatività del software così adeguato.

 

Allegati linee guida

Allegato A
Allegato B
Allegato 1

 

GIUGNO 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30