Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

20 – 26 agosto 2019

Crolli

“Quarto tonfo con relativa pioggia di calcinacci in strada, ieri pomeriggio in pieno centro, via della Vigna Nuova. E quarta volta che, ringraziando il Cielo, finisce tutto con i vigili del fuoco che spazzano le macerie e nessuno all’ospedale. La faccenda però inizia ad assumere contorni inquietanti”: lo scrive La Nazione il 23 agosto, raccontando che “nel primo pomeriggio da Palazzo Rucellai, raro esempio di dimora rinascimentale del ‘400 conservatasi fino ad ora nelle sue caratteristiche originarie, si staccano alcuni pezzi di pietraforte che finiscono in strada”. “Perché tutti questi cedimenti? Perché tutti insieme?”, si domanda il giornale, che riepiloga gli altri episodi avvenuti recentemente a Firenze in via Cavour, alla stazione di Santa Maria Novella e in via Alamanni.
Il giorno successivo, 24 agosto, sul tema sempre La Nazione pubblica un’intervista al presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze Duilio Senesi. “Siamo abituati a pensare che i nostri palazzi siano infrangibili. Non è così. Servono controlli, manutenzioni”, è un passaggio dell’intervista a Senesi. “È necessario cambiare mentalità: bisogna capire che i materiali non sono eterni e possono deteriorarsi per mille motivi diversi”, è un’altra delle risposte del presidente dell’Ordine fiorentino riportata da La Nazione.

 

Stadio

“Un nuovo stadio a Campo di Marte, proprio dietro al Franchi. Oppure un ambizioso restyling dell’impianto a ‘D’, che lo salvi del tutto nella sua struttura super vincolata ma preveda sopra un nuovo grande ‘anello’ coperto sopra da 15-20 mila posti, come fosse una sorta di modernissima ‘palafitta’. Magari con un mega parcheggio interrato all’altezza dello stadio del rugby, collegato direttamente allo stadio da un tunnel dove potrebbero trovar posto anche spazi commerciali”: lo scrive La Repubblica il 22 agosto, spiegando che “sono davvero queste alcune delle ipotesi che la nuova proprietà della Fiorentina di Rocco Commisso sta valutando”. “Ci sono architetti internazionali al lavoro che hanno elaborato plastici e abbozzi di masterplan e la fase dell’approfondimento tecnico, urbanistico ed economico è in corso”, scrive ancora La Repubblica, secondo cui “un dato appare certo: non c’è solo la strada della ‘mezza’ Mercafir per il nuovo stadio. Con tutte le sue problematiche l’ipotesi dell’uso dell’area di Campo di Marte e del Franchi rimane ancora in piedi”.

 

Carcere

“Il direttivo della Camera penale di Firenze ha reso noto un elenco di criticità del carcere di Sollicciano sottolineando che a Ferragosto ‘erano presenti 757 detenuti oltre a un bambino di 7 mesi, che, rapportati alla capienza regolamentare, porta a un sovraffollamento del 170%'”: lo scrive La Repubblica il 20 agosto. “Inoltre, ‘ogni parte della struttura è invasa dall’acqua che filtra anche dal terreno, in tutte le sezioni fuoriesce dalle docce ed esonda invadendo celle e corridoi'”, scrive ancora il giornale.
Sempre a proposito di Sollicciano, il 22 agosto La Nazione racconta che un’infermiera è stata “vittima di un’aggressione lo scorso 14 agosto”.

 

Tramvia

“Per ora è solo un antipasto di quello che sarà, ma è abbastanza per confermare che servirà armarsi di tanta pazienza (e usare ogni possibile mezzo o percorso alternativo, quando possibile) per l’approdo della tramvia sui viali versante sud-est, da piazza della Libertà al lungarno. Il primo mini cantiere aperto da ieri mattina in piazza Beccaria ha creato già lunghe code, in un periodo nel quale mezza città è ancora in ferie e le scuole sono chiuse. Colpa, spiegano da Palazzo Vecchio, della necessità di tagliare due corsie su tre per la particolarità dei saggi archeologici, grazie ai quali dovrà essere valutato soprattutto cosa è rimasto dei basamenti delle mura di Arnolfo, spazzate via dal piano di risanamento di Giuseppe Poggi nella seconda metà dell’Ottocento”: è quanto racconta La Nazione il 20 agosto. “Il progetto potrà quindi variare qualora si ritrovassero i resti delle mura oppure di vecchie ghiacciaie, che potrebbero riaffiorare nella zona di viale Giovine Italia. Un passaggio dunque che inciderà molto sulla definizione del percorso e sull’allestimento dei cantieri per la realizzazione della linea 3.2 destinata a raggiungere Bagno a Ripoli”, continua il giornale, che fa anche il punto sulla tempistica per la realizzazione della linea.
“Una parte delle antiche mura di Arnolfo che tuttavia non influirà sulla costruzione della futura tramvia. La scoperta si è verificata in viale Matteotti, dove stanno proseguendo le indagini della soprintendenza su quello che sarà il percorso della futura linea verso Bagno a Ripoli”: lo riporta il Corriere Fiorentino il 22 agosto.

 

Piazze

“Due delle piazze tipiche della città, spesso al centro delle cronache anche per i loro problemi, cambieranno volto. Tra poche settimane inizieranno infatti i lavori di qualificazione di piazza Indipendenza, mentre ad ottobre sarà la volta di piazza della Vittoria, in cui l’abbattimento di sei pini a rischio caduta ha segnato il primo tassello degli interventi in programma. Interventi per oltre un milione di euro che Palazzo Vecchio ha programmato da tempo e che stanno per diventare realtà”: lo annuncia il 22 agosto il Corriere Fiorentino, che illustra poi più nel dettaglio i due interventi.
Il 24 agosto sempre il Corriere Fiorentino scrive che “Prosegue la riqualificazione di piazza delle Cure e dello storico mercato che dal febbraio 2018 è stato spostato davanti alla Costoli”, facendo il punto sugli interventi e sulle tempistiche.

 

Verde in città

La Nazione pubblica il 21 agosto un’intervista a Francesco Mati, presidente del Distretto rurale vivaistico ornamentale di Pistoia e presidente della sezione prodotto florovivaistico di Confagricoltura, dal titolo “Le città rinascono con piante nuove”, “su un tema che torna di frequente nelle città. E che di recente a Firenze è riesploso con la vicenda di piazza della Vittoria”, scrive il giornale.
Lo stesso giorno La Repubblica pubblica un articolo dal titolo “Albero con dedica fioccano le prenotazioni si parte a novembre”, spiegando che “in tanti chiedono di partecipare all’iniziativa lanciata dall’assessora Del Re”.

SETTEMBRE 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22