Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

27 agosto – 2 settembre 2019

Stadio

Il 27 agosto il Corriere Fiorentino pubblica un dossier dal titolo “Stadio, il bivio di Commisso”, “Ristrutturare il Franchi o nuovo impianto a Novoli: Rocco valuta i pro e i contro”. “Cioè pro e contro del Franchi, che c’è, ma che per valere come leva di rilancio per la Fiorentina (e per tutto il quartiere) deve essere pesantemente adeguato. E poi c’è quello che ancora non c’è, ma di cui si parla da ormai più di un decennio, da costruire ex novo”, scrive il giornale, facendo il punto sulle due ipotesi per il nuovo stadio di Firenze.
“Una cosa sembra certa: lo stadio si farà. Che sia un Franchi completamente ristrutturato o uno nuovo nell’area accanto alla Mercafir. Ed anche se pubblicamente il patron della Fiorentina Rocco Commisso e il sindaco Dario Nardella, dopo quasi due ore di incontro ieri a Palazzo Vecchio, non si sbilanciano, ci sono indizi e riflessioni che portano a pensare che sarà il restyling del Franchi la scelta più accreditata”: lo racconta il 29 agosto sempre il Corriere Fiorentino, che riporta anche le parole del soprintendente Andrea Pessina. Anche La Repubblica e La Nazione parlano del progetto per il restyling del Franchi.
Il 30 agosto, sullo stadio il Corriere Fiorentino pubblica un intervento del Consiglio dell’Ordine degli Architetti di Firenze. “La riflessione è che serva comunque una strategia urbana di adeguata scala che contestualizzi le scelte, perché si valutino a fondo le alterazioni delle dinamiche di quartiere e di viabilità. L’intervento deve determinare opportunità e miglioramenti tangibili per il contesto urbano in cui si colloca”, è una parte dell’intervento, che prosegue: “Ci preme riportare al centro dell’attenzione il valore intrinseco della grande Architettura che tanto ha caratterizzato le origini e lo sviluppo della città e meno riesce a condizionarne l’assetto contemporaneo”. “Rinforziamo quindi la richiesta perché si proceda con un concorso internazionale di Architettura”, scrive ancora l’Ordine degli Architetti. La Nazione riporta le parole del presidente dell’Ordine Duilio Senesi (“Certamente un intervento di modernizzazione del Franchi, ‘in grado di tenere insieme il restauro e la valorizzazione della parte monumentale e l’inserimento di segni contemporanei, è di grande suggestione’, dice Senesi”, è un passaggio dell’articolo), e anche La Repubblica scrive che “L’Ordine degli architetti intanto invoca un concorso internazionale di progettazione”.
“Si terrà la prossima settimana (probabilmente giovedì) il primo incontro tra il sindaco Dario Nardella, il patron della Fiorentina Rocco Commisso e il soprintendete Andrea Pessina. E sul tavolo, ci saranno già le linee progettuali elaborate per conto di Commisso sul futuro del nuovo Franchi”: annuncia poi il 31 agosto il Corriere Fiorentino.

 

Tramvia

“L’anno della Firenze davvero nuova sarà il 2023. Quello in cui la città potrà svegliarsi contando ben quattro linee di tramvia. Non solo le attuali Scandicci – Ospedale di Careggi (la T1) e Aeroporto – piazza San Marco (T2). Anche la T3 piazza della Libertà (angolo via Don Minzoni) – Bagno a Ripoli e infine la T4 Stazione Leopolda (Porta al Prato) – Piagge”: inizia così l’articolo che il 31 agosto La Nazione dedica ai nuovi cantieri della tramvia. “Saranno quindi – inutile farsi illusioni – altri quattro anni di cantieri e al centro dei lavori ci saranno i viali di circonvallazione, cioè l’asse viario principale della città”, prosegue il giornale, secondo cui “per la prima pietra del prossimo cantiere la data fissata è la pre-primavera del 2020”.
Sulle nuove tramvie, il 1° settembre il Corriere Fiorentino pubblica un editoriale del direttore Paolo Ermini: “Via ai cantieri in primavera? Non scherziamo. Subito dopo le elezioni amministrative che hanno confermato Dario Nardella nel ruolo di sindaco, su questo giornale avevamo chiesto a Palazzo Vecchio una pausa di riflessione”, è un passaggio dell’intervento, che poi ne elenca i motivi.

 

Piazze

Il 28 agosto il Corriere Fiorentino pubblica un articolo dal titolo “Un appello per Santo Spirito: basta oltraggi a piazza e basilica”. “L’Associazione Amici di Santo Spirito chiede una svolta contro il degrado e la malamovida che assedia la chiesa, il sagrato e la piazza. E lancia, attraverso il Corriere Fiorentino, un appello ‘affinché il sindaco e il questore adottino provvedimenti per restituire dignità e sicurezza ad un luogo di cui i residenti debbono tornare a sentirsi orgogliosi'”, riporta il giornale.
Il 31 agosto La Repubblica riporta invece che “Prende forma il nuovo mercato in piazza delle Cure, dove è stata completata la stesura delle travi per la copertura dell’area che ospiterà i banchi. La ristrutturazione dovrebbe finire a ottobre. La pensilina sarà usata anche per eventi extra mercato. Cambierà volto anche la piazza”.

 

Turismo

“Nasce a settembre l’alleanza europea della città per difendere i residenti dei centri assediati dall’overtourism e dal boom degli affitti tramite piattaforme web. E la prima città italiana ad aderire è Firenze”: è quanto annuncia il 28 agosto il Corriere Fiorentino, che spiega che “A Bruxelles, il prossimo 26 settembre, per il Comune di Firenze ci sarà l’assessore Cecilia Del Re, che oltre all’Urbanistica ha la delega al Turismo”. “Da questa riunione potrebbe arrivare anche una richiesta specifica di fondi per aiutare l”abitare nei centri storici’, dal social housing all’edilizia popolare fino a nuove forme di residenza, come il coliving”, scrive ancora il Corriere Fiorentino.

SETTEMBRE 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22