Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

30 luglio – 5 agosto 2019

Crollo alla stazione

La vicesindaca Cristina Giachi “chiede formalmente a Grandi Stazioni Rail di fare presto: ‘Abbiamo inviato una richiesta ufficiale a Grandi Stazioni Rail convocandoli per un incontro a breve. Sarà utile per una prima verifica sugli interventi necessari per la stazione, per sapere quali di essi siano stati pianificati e in quali tempi verranno realizzati'”: è quanto scrive il 30 luglio il Corriere Fiorentino. “E più di un architetto e ingegnere che ha visto lo stato della struttura dopo il crollo (con larghi buchi nello strato di materiale sopra al controsoffitto) si è preoccupato che quello stato (causato probabilmente da infiltrazioni) non sia limitato solo a quella parte della pensilina. Grandi Stazioni Rail deve ora presentare un progetto di controlli e di intervento sulla struttura alla soprintendenza, il bene è vincolato”, scrive ancora il giornale.
“La Procura ha aperto un fascicolo sul crollo di calcinacci dalla pensilina della stazione Santa Maria Novella avvenuto la notte tra il 25 e il 26 luglio dal lato via Valfonda”: lo riporta il Corriere Fiorentino il 1° agosto.
“Prima di Ferragosto il report iniziale, entro fine mese il quadro degli interventi e delle tempistiche del cantiere. È il programma emerso dall’incontro a Palazzo Vecchio tra amministrazione comunale e Grandi stazioni rail”: lo scrive La Nazione il 2 agosto. “Le prime verifiche avrebbero escluso un’infiltrazione di acqua, come si era ipotizzato”, aggiunge il giornale, che spiega che “ora il lavoro di controllo sarà volto a evitare il rischio di situazioni analoghe nella parte restante della pensilina ma più in generale in tutta Santa Maria Novella”.

 

Addio a Cristiano Toraldo di Francia

“Sarà ricordato anche per una sua opera che non c’è più l’architetto fiorentino Cristiano Toraldo di Francia, noto per essere stato il fondatore del gruppo d’avanguardia Superstudio con Adolfo Natalini nel dicembre 1966, progettista visionario tra arte e design, morto la scorsa notte a 77 anni. Era sua la pensilina per gli autobus della stazione di Santa Maria Novella, opera discussa fin dalla costruzione nel 1990, in occasione dei Mondiali di Calcio, e abbattuta nel 2010 dalla giunta di Matteo Renzi”: inizia così l’articolo pubblicato da La Nazione il 31 luglio che annuncia la scomparsa dell’architetto. Anche gli altri giornali riportano la notizia della sua scomparsa: il Corriere Fiorentino e La Repubblica ne ospitano un ricordo da parte di Adolfo Natalini.

 

Stadio

Sul tema dello stadio a Firenze, il 31 luglio La Nazione pubblica una lettera di Federico Cassi, imprenditore e consulente nel settore immobiliare: “Come già sostenuto dall’Ordine degli architetti, risulta evidente come la soluzione più praticabile e veloce rimanga il progetto di restyling del Franchi”, riporta un passaggio del suo intervento.

 

Piazza della Vittoria

“No all’abbattimento dei pini e via ad un patto di collaborazione con il Comune per rivedere il progetto di riqualificazione. E’ quanto è emerso ieri dall’assemblea dei residenti che si sono riuniti in piazza della Vittoria”: lo riporta La Nazione il 31 luglio.
“La protesta per il taglio degli alberi di piazza della Vittoria passa all’azione. Ieri mattina il comitato ha bloccato l’inizio delle attività programmate dal Comune”: lo racconta La Repubblica il 2 agosto, spiegando che “l’obiettivo è salvare i 41 pini dichiarati a rischio cedimento”. Sul tema del verde urbano, sempre il 2 agosto il Corriere Fiorentino pubblica un’intervista a Stefano Mancuso.

 

Parco dell’Anconella

“A quattro anni dalla tempesta che si portò via 1200 alberi in città, rinasce il parco dell’Anconella. Grazie a due progetti, uno realizzato dalla Direzione Ambiente del Comune e l’altro da Cittadinanza attiva, finanziati con il bando Paesaggi comuni della Fondazione Cassa di Risparmio (nuovo recinto, percorsi naturalistici e giochi), con i lavori che partiranno fra agosto e settembre”: ad annunciarlo il 1° agosto è La Nazione. “Mentre stanno per partire i lavori di recinzione che circoscriverà l’area compresa tra la Società Sportiva Firenze Sud Sporting Club e l’Acquedotto dell’Anconella per evitare il ripetersi di episodi vandalici”, continua il giornale, spiegando che “la nuova recinzione consiste in un grigliato in acciaio zincato interposta fra un doppio filare di piante”.

SETTEMBRE 2019
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22