Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

15 – 20 aprile 2020

Firenze e i trasporti dopo l’emergenza

Il 18 aprile La Nazione pubblica un’intervista al sindaco Dario Nardella dal titolo “‘Ecco come cambierà Firenze’. Orari diversificati per le attività e un nuovo piano per i trasporti”. “Dal turismo alla mobilità fino ai cantieri, così muteranno i ritmi della città”, viene annunciato.
Sempre a proposito della fase 2, il 19 aprile il Corriere Fiorentino pubblica un editoriale del direttore Paolo Ermini: “Per i trasporti le scelte resteranno molteplici, ma tutte le previsioni dicono che, nel timore del contagio, i cittadini torneranno in massa a usare i mezzi privati. Auto e motorini in testa. Per una città come Firenze, che negli ultimi decenni ha investito massicciamente sul trasporto pubblico e, in particolare, sulle tramvie, è una sorta di tsunami. Che va affrontato con risolutezza e senza illusioni. Anche perché i tracciati delle tramvie attraversano a raso alcuni punti strategici del traffico cittadino (stazione, piazza Dalmazia) e aspettare gli eventi con fatalismo vorrebbe dire condannare i fiorentini a una paralisi quotidiana”, è un passaggio dell’intervento.
Il 20 aprile, La Nazione pubblica poi un’intervista all’ad di Gest Jean Luc Laugaa, dal titolo “Tramvia e bus ogni 4 minuti. Come ripartire senza orari di punta”. “Potremmo approfittare di questa emergenza per dare il via alle corsie preferenziali per i bus. In modo da abbassare le percorrenze e garantire un trasporto costante anche su gomma”, sono alcune delle parole dell’amministratore delegato di Gest.

 

Stadio

In un intervento sulla Firenze del dopo virus pubblicato il 17 aprile sul Corriere Fiorentino, Francesco Gurrieri parla anche dello stadio: “Si è partiti col piede sbagliato”, scrive, sottolineando come invece tanti giovani progettisti “si sarebbero ben cimentati, esprimendo forse, idee fresche ed innovative, come fu negli anni ’30 per la Stazione di Santa Maria Novella. La pandemia ha allungato i tempi: non sembra ragionevole se non doveroso ora, bandire un concorso per la realizzazione del nuovo Stadio (o del restauro-integrazione del Franchi), allargando l’allocazione all’intera area metropolitana?”.

 

Tav e Foster

“Tra le prossime riaperture previste di attività economiche, ecco che riappare perfino la Tav fiorentina, che riaprirà i cantieri tutti e due, in via Circondaria per la Stazione Foster per l’alta velocità e al Campo di Marte per il tunnel di 6 chilometri sotto la città. Se non a maggio, a giugno e comunque prima dell’estate”: è quanto annunciato da La Repubblica il 18 aprile.

 

Piazza dell’Isolotto

“Avanti con i lavori di riqualificazione di piazza dell’Isolotto. È stata completata la prima fase del progetto con la preparazione del parcheggio a superficie lato Arno che ospita temporaneamente il mercato. A verificare l’andamento dei lavori sono stati ieri mattina il sindaco Dario Nardella e l’assessora ai Lavori pubblici Alessia Bettini”: lo racconta il 15 aprile La Repubblica, spiegando che “con lo spostamento del mercato, è iniziata la fase due dei lavori che prevede come area di intervento la parte fissa di fronte alla Chiesa”.
Lo stesso giorno La Nazione riporta che “sono ripresi i lavori sulle strade nel rispetto delle regole anti Covid19 che autorizzano una serie di cantieri legati in particolare a opere stradali, infrastrutture e sottoservizi”.

 

Premio per Architetture Fantastiche

“‘Stimolare le giovani generazioni a immaginare le città del futuro prossimo, delle quali dovranno essere cittadini consapevoli e responsabili’. E’ questo l’obiettivo del premio nazionale dell’Unione Internazionale degli Architetti e del Consiglio Nazionale degli Architetti, che è stato vinto da ‘Architetture Fantastiche’ della Fondazione Architetti Firenze, nella categoria Istituzione”: lo annuncia La Nazione il 17 aprile. “Il progetto fiorentino prevede incontri periodici a ingresso gratuito alla Palazzina Reale di piazza Stazione, durante i quali bambini, ragazzi, genitori e architetti si mettono al ‘lavoro’ fianco a fianco per immaginare tutti insieme la città del futuro”, racconta il giornale. “E’ un importante riconoscimento per questo progetto e per tutto il lavoro che sta portando avanti la Fondazione Architetti Firenze – afferma Colomba Pecchioli, presidente della Fondazione Architetti Firenze – che ha deciso di rivolgere la propria attenzione sempre più anche verso il mondo dei bambini e dei giovani, con attività e laboratori per ragazzi e famiglie”, riporta La Nazione.

DICEMBRE 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 30
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06