Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

20 – 26 ottobre 2020

Cupola Fantastica

Il 20 ottobre Il Corriere della Sera Buone Notizie, inserto settimanale nazionale del Corriere, dedica un articolo all’iniziativa “Cupola Fantastica” organizzata dalla Fondazione Architetti Firenze: “La call è stata lanciata durante il lockdown e in pochi mesi sono arrivate, e non solo dall’Italia, oltre 370 ‘opere’. I bambini hanno ridisegnato la Cupola in tutte le forme e i colori”, scrive il giornale, che racconta anche che di recente “i progetti dei bambini sono stati proiettati sulla facciata esterna della Palazzina Reale”.

 

Centro e misure anti assembramenti

“Due enormi zone ‘rosse’ dove è vietato fermarsi per bere, parlare, fumare. Fermo restando che in tutto il territorio comunale vale il divieto degli assembramenti. Così come in piazza Santo Spirito viene confermato il contingentamento. E’ quanto deciso ieri al tavolo del Cosp, il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunito in prefettura”: lo annuncia il 22 ottobre La Nazione, spiegando che “la prima ‘area di massimo rispetto’ è compresa tra piazza Strozzi, via Strozzi, via Sassetti, piazza Repubblica, via Pellicceria. La seconda nella zona tra piazza dei Ciompi, via Pietrapiana, piazza Sant’Ambrogio il tratto di Borgo la Croce, fino a via Mattonaia. In questi due grossi spicchi della città, caposaldi della movida serale, il venerdì e il sabato sera è previsto il divieto dalle ore 19 alle 2, di stazionamento. Sarà consentito l’accesso solo per andare in abitazioni private, nei locali o nei negozi, così come previsto dall’ultimo Dpcm. Il Cosp ha confermato poi piazza Santo Spirito come ‘area a presenza limitata’, ovvero con accesso consentito al massimo per mille persone contemporaneamente”.

 

Tavolini all’aperto

“Palazzo Vecchio dà disco verde alla proroga, fino al 31 dicembre 2020, del ‘piano tavolini’ che prevede l’occupazione gratuita di suolo pubblico per tutte quelle attività commerciali che ne avevano fatto richiesta entro giugno scorso: ‘Uno strumento in più per garantire il distanziamento tra i clienti, un aiuto concreto per l’economia di Firenze’, l’annuncio del sindaco Dario Nardella su Instagram”: a riportarlo è il Corriere Fiorentino il 22 ottobre.

 

“Uffizi 2” e quartiere post Covid

“L’idea l’ha lanciata il sindaco Nardella. Realizzare nelle ex Officine grandi riparazioni di Ferrovie un grande polo culturale. In modo da trovare un’altra sede a quelli che sono già stati ribattezzati gli ‘Uffizi 2’. Una nuova casa dopo quella già proposta da Eugenio Giani e subito accolta dallo stesso sindaco fiorentino. In modo da creare un grande polo culturale tra centro storico, Cascine e Manifattura Tabacchi, per un’area che si trova in una posizione assolutamente strategica della città, a ottocento metri dalla stazione Santa Maria Novella, a un chilometro dal Duomo e a circa dieci minuti di distanza dall’aeroporto”: è quanto scrive il 21 ottobre La Repubblica. “Il recupero del grande immobile ex Ogr di proprietà di Ferrovie dello Stato, abbandonato dal 2006 – hanno concluso Nardella e Del Re – assume un ruolo sempre più importante per restituire dignità a una parte della città di grande pregio per la sua localizzazione, accessibilità prevista con linea ferroviaria in tramvia e prossimità al parco delle Cascine. Un luogo da progettare per diventare il primo quartiere post Covid, con un insediamento abitativo che dovrà necessariamente rispecchiare le riflessioni in corso per una città improntata alla sostenibilità”, sono alcune parole del sindaco e dell’assessora all’Urbanistica riportate dal giornale.

 

Tramvia

“La tramvia per Bagno a Ripoli da ieri è (un po’) più vicina. Nelle scorse ore Palazzo Vecchio ha annunciato che per realizzare la nuova linea, la cosiddetta 3.2 che attraverserà il quadrante sud-est della città con capolinea in Piazza della Libertà, non sarà necessaria alcuna Via, la valutazione di impatto ambientale del progetto. In concreto, significa che i tempi per vedere all’opera i primi cantieri (già dilatati di alcuni mesi complice la pandemia) non dovrebbero essere rallentati da ulteriori passaggi. Anzi: ‘L’obiettivo è quello di terminare la progettazione esecutiva dell’opera entro l’estate del 2021 – assicura l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti – A seguire l’avvio dei lavori entro l’anno, in modo da mettere in esercizio la linea nei primi mesi del 2024′”: lo annuncia La Repubblica il 25 ottobre.

 

Giunta regionale e comunale

“Nella notte ecco completato il quadro delle deleghe della giunta regionale, presentata alla Villa Medicea di Careggi (che diventerà una delle sedi degli ‘Uffizi diffusi’, ha confermato il presidente Eugenio Giani)”, annuncia il 23 ottobre il Corriere Fiorentino. “Ora gli assessori sono al completo e anche le deleghe”, scrive La Repubblica, riportando proprio per quanto riguarda le deleghe “Stefano Baccelli infrastrutture, trasporti e urbanistica”. “Buon lavoro a Giani dal sindaco Dario Nardella, al lavoro per rifare la sua di giunta, orfana di Cristina Giachi e Andrea Vannucci eletti in Consiglio regionale”, scrive ancora La Repubblica. “Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha chiuso ieri il rimpasto di giunta, facendo entrare Italia Viva. Benedetta Albanese (Pd) e Titta Meucci (Iv) prendono il posto di Cristina Giachi e Andrea Vannucci, entrambi eletti in Consiglio regionale. Albanese avrà le deleghe a sicurezza, casa, lavoro, formazione e pari opportunità. Meucci quelle a università e ricerca, protezione civile, lavori pubblici, anagrafe”, riporta poi il 25 ottobre il Corriere Fiorentino. “Nel ridefinire le deleghe – spiega il giornale – a Del Re che aveva già urbanistica, ambiente e turismo è andato il coordinamento progetti Recovery Plan”.

NOVEMBRE 2020
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29