Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Concorsi

NOVECENTOPIÙCENTO: il museo del novecento di Milano raddoppia

concorso internazionale di progettazione

In occasione del decennale della sua inaugurazione, avvenuta il 5 dicembre 2010, il Comune di Milano ha annunciato il raddoppio del Museo del Novecento, che negli anni ha conquistato oltre 4 milioni di visitatori ed è diventato uno dei luoghi simbolo di Milano. Oggetto del concorso internazionale di progettazione indetto dal Comune, con procedura aperta, è l’acquisizione, dopo l’espletamento del secondo grado, di un progetto con livello di approfondimento pari a quello di un progetto di fattibilità tecnica ed economica per la riconversione e annessione dell’edificio prospiciente piazza del Duomo, denominato “Secondo Arengario”, al percorso di visita del Museo del Novecento, al fine di creare un unico grande complesso espositivo dedicato alle arti moderne e contemporanee, il cui standard per collezioni, spazi espositivi e servizi lo collochi tra le realtà museali più innovative a livello internazionale.

 

“Novecentopiùcento”, questo il nome dell’iniziativa, è il 50esimo concorso pubblicato sulla piattaforma Concorrimi dell’Ordine degli Architetti della provincia di Milano, a vent’anni dalla competizione per il primo Arengario, con Achille Castiglioni presidente di giuria.

La presentazione ufficiale del concorso si è tenuta in diretta streaming il martedì 22 dicembre alla presenza del sindaco di Milano Beppe Sala, di Paolo Mazzoleni, presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Milano, Marco Edoardo Minoja, direttore Cultura del Comune di Milano, Simona Collarini, direttore Urbanistica del Comune di Milano, Massimiliano Gioni, Associate director and director of Exhibitions, New Museum of Contemporary art, New York e Artistic Director, Fondazione Trussardi.
Per vedere l’evento di presentazione cliccare qui
Per scaricare le slide di presentazione a cura del Comune di Milano cliccare qui

 

Il primo grado, la cui chiusura è fissata per il 22 febbraio 2021, è finalizzato a selezionare le 10 migliori proposte progettuali da ammettere al secondo grado, che si chiuderà il 10 maggio 2021.

Il costo massimo dell’intervento da realizzare è fissato nell’importo di 29.000.000 euro (Iva inclusa).

L’edificio storico che affaccia su piazza del Duomo, cuore della città non solo per i milanesi, ma anche per i turisti provenienti da tutto il mondo, con la riconversione del Secondo Arengario porterà all’incremento degli spazi del Museo di oltre mille metri quadrati, consentendo di esporre oltre 100 nuove opere e di rileggere tutto il percorso museale che attualmente si sviluppa nel Primo Arengario, spaziando dalle avanguardie storiche agli anni Ottanta, per raggiungere così gli anni Duemila, a ridosso della contemporaneità. Il museo, che oggi ha 4mila opere, ha assorbito le collezioni del precedente Civico Museo d’Arte Contemporanea (CIMAC) il quale era collocato presso il secondo piano di Palazzo Reale e che venne chiuso nel 1998. Proiettato verso la città, si snoda intorno a più fulcri. La Collezione Permanente, che si sviluppa in un percorso cronologico, con un alternarsi di sale collettive e monografiche. La grande rampa a spirale, che è forse la cifra architettonica più significativa che collega diversi piani della torre, dal livello della metropolitana alla suggestiva terrazza sul Duomo, che introduce alla visita con il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo. Infine, il bookshop, il ristorante e il Neon di Lucio Fontana come abbraccio finale alla città.  Il Secondo Arengario, oggi sede degli uffici dell’assessorato allo Sport e Tempo libero e del Municipio 1, era stato progettato insieme all’edificio gemello negli anni Trenta dagli architetti Griffini, Magistretti, Muzio e Portaluppi. Con il progetto frutto del concorso questi spazi riprenderanno vita con una funzione culturale, con affaccio su Piazza Duomo.

Il vincitore del Concorso riceverà 60.000 euro ed entro 60 giorni dalla proclamazione dovrà perfezionare lo sviluppo degli elaborati concorsuali, raggiungendo il livello del progetto di fattibilità tecnica ed economica. Al secondo classificato viene corrisposto un importo di 12.000 euro. Al terzo classificato viene corrisposto un importo di 8.000 euro. A ciascuno dei successivi 7 concorrenti un importo di 4.000 euro. Tutti gli importi indicati sono comprensivi di Iva e oneri previdenziali se dovuti.

Per maggiori informazioni novecentopiucento.concorrimi.it

LUGLIO 2021
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25