Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Enti , Istituzionali

La città cambia, cambiamo le città

Lettera aperta del "Milano Design Film Festival" sullo sviluppo urbano, la prevenzione e cura del territorio

Con la pubblicazione della Lettera aperta sullo sviluppo urbano, la prevenzione e cura del territorio, lo scorso 29 Maggio, è partita la campagna di comunicazione “La città cambia, cambiamo le città” del Milano Design Film Festival, realizzata in collaborazione con il magazine The Good Life Italia.

Nata su impulso degli architetti Andrea Boschetti e Alfonso Femia, la Lettera ha trovato subito il favore di 150+ tra professionisti e accademici e dalla sua pubblicazione ha già superato le 500 firme.

Milano Design Film Festival e The Good Life Italia, invitano gli architetti a sottoscriverla e ad aderire, convinti che per difendere la qualità dello sviluppo urbano italiano sia fondamentale il loro apporto.

La Lettera può essere letta e firmata all’indirizzo: milanodesignfilmfestival.com, da dove è anche possibile inviare al Milano Design Film Festival una video-lettera (max 30’) sulla città e sul territorio a un ideale futuro sindaco. Una selezione delle video-lettere raccolte sarà presentata alla prossima edizione della manifestazione, prevista il prossimo 21-24 ottobre.

Rivolta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi, a tutti i Ministri competenti e a tutte le forze sociali, politiche e culturali che hanno a cuore le future generazioni, la Lettera aperta sullo sviluppo urbano, la prevenzione e cura del territorio indica 8 azioni improrogabili al fine di progettare le città e i territori in modo da renderli più sicuri, integri, vivibili, interconnessi e inclusivi. Inoltre, esorta a recepire all’interno della nostra Costituzione, con particolare riferimento agli articoli 2, 9 e 41, la tutela e promozione dello sviluppo ambientale e sociale sostenibile di città e territori come atto di solidarietà e di generosità nei confronti delle generazioni future.
Molti, tra i firmatari, i nomi noti del mondo dell’architettura: da Mario Cucinella a Benedetta Tagliabue, da Michele De Lucchi a Patricia Urquiola a Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra, dal Rettore dell’Università IUAV di Venezia, Alberto Ferlenga, al Presidente dell’Ordine Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori italiani, Francesco Miceli, e a numerosi Presidenti provinciali. Ma all’iniziativa hanno aderito anche accademici di altre discipline: storici come Franco Cardini e Marcello Flores, filosofi come Roberta De Monticelli, politologi come Nadia Urbinati, ambientalisti storici come Ermete Realacci, economisti come Salvatore Bragantini, Antonio Calafati e Stefano Zamagni, urbanisti come Livio Sacchi e Saverio Santangelo, storici e critici dell’architettura come Luca Molinari e Manuel Orazi, esperti di diritto amministrativo come Antonio Papi Rossi, presidente e fondatore con don Virginio Colmegna della onlus Avvocati per niente.

OTTOBRE 2021
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24