Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

22 – 28 giugno 2021

Movida e Ztl notturna

Repubblica il 24 giugno parla di movida e Ztl notturna, in questi termini: “Occhio alle telecamere, torna la Ztl notturna. Accantonata nel 2020, contestata dai ristoratori, da stasera la chiusura estiva del centro scatta davvero. Il provvedimento sarà in vigore nei giorni di giovedì, venerdì e sabato in orario 23-3 fino al 3 ottobre e riguarderà la consueta area, ovvero i settori della ztl diurna, A, B e O, con l’aggiunta dei settori G e F. E non è sola mossa anti caos. Da domani scattano nuove ordinanze anti movida e anti stazionamento. Non è il ‘superamento’ di cui aveva accennato nei giorni scorsi il sindaco Nardella: la fine dell’emergenza sanitaria ancora complicata per le varianti e le scene di delirio delle ultime sere in Santo Spirito e Santa Croce spingono Palazzo Vecchio a mantenere comunque un certo rigore. Ma cambiano gli orari, che si adeguano alla fine del coprifuoco: lo stazionamento sarà vietato non più dalle 16 alle 22 ma dalle 21 alle 6 da domani. Sarà vietato anche il consumo di bevande alcoliche, salvo quello effettuato al banco o ai tavoli dei locali. Sei le aree del centro storico considerate più a rischio assembramenti comprese dai provvedimenti. Alcune erano già soggette a queste restrizioni come Sant’Ambrogio-Borgo La Croce, l’area di piazza Repubblica e piazza Strozzi e Santo Spirito compresi via Michelozzi e Presto di San Martino. Si aggiungono le piazze Santa Croce, San Lorenzo, Santissima Annunziata. (…) Capitolo Ztl. Per quanto riguarda la sosta, oltre alla conferma dei posti per i residenti in piazza del Carmine è prevista la riproposizione del parcheggio straordinario in San Lorenzo. In concreto si tratta della sospensione dalle 20.30 alle 24 di tutti i giorni feriali dell’area pedonale nella zona del mercato di San Lorenzo. Sul tema della sosta l’assessore al traffico Stefano Giorgetti convocherà i rappresentanti di categorie e le autorimesse per valutare tariffe scontate per chi si reca in centro la sera. ‘Stiamo lavorando per potenziare il trasporto pubblico con più corse notturne specie dove non c’è la tramvia’, annuncia pure Giorgetti. Alle categorie economiche è stato garantito che decine di eventi dell’Estate fiorentina si terranno in centro per attirare fiorentini”.

 

Tavolini e pedonalizzazioni

Scrive Repubblica il 24 giugno. “Pasticcio tavolini. A un mese dal debutto, 7 pedonalizzazioni straordinarie varate per permettere ai ristoranti di tirare fuori a cena tavoli e sedie finiscono nel mirino dei vigili del fuoco. Da via Palmieri a Borgo Pinti, da via delle Oche, via delle Belle Donne a Borgo dei Greci e via Torta. Tutte strade sotto i 3,5 metri di larghezza che secondo i pompieri non possono essere completamente chiuse al traffico durante la sera per ragioni di sicurezza. La comunicazione è stata formalizzata martedì scorso a Palazzo Vecchio ed è andata a finire che ieri la direzione sviluppo economico ha dovuto stoppare per una settimana i permessi per le 7 strade contestate dai vigili, in attesa di chiarimenti ulteriori. Di conseguenza, i ristoranti che hanno fin qui sfruttato la chance di tirare fuori serie e tavoli di sera hanno dovuto rinunciarci da ieri, con loro somma ira. Una trentina le attività coinvolte in queste 7 strade. Il Comune sta tentando di risolvere il pasticcio. Intanto ha sospeso le autorizzazioni e le pedonalizzazioni, in precedenza varate sulla base di un nulla osta dei vigili del fuoco. Successive verifiche hanno per ora reso necessario lo stop. L’assessorato allo sviluppo economico guidato da Federico Gianassi conta comunque di trovare soluzioni per risolvere l’inghippo, nella convinzione che la misura straordinaria dei tavolini vada sostenuta”.

 

Santo Spirito

Il Corriere Fiorentino, il 25 giugno, torna a parlare di Santo Spirito. “Movida e tavolini, i due fronti di Palazzo Vecchio – si legge -. Oggi partono i nuovi divieti (di stazionamento) con nuovi orari, per evitare assembramenti e malamovida, estesi dopo le zone di Repubblica, Sant’Ambrogio-Ghiberti, Santo Spirito, anche a Santa Croce, Santissima Annunziata e San Lorenzo. Ma per Santo Spirito, osservata speciale dopo le manifestazioni e i danneggiamenti ai cordoli messi per delimitare la zona vietata, ora arriva un altro strumento: a breve sul sagrato arriveranno eventi e spettacoli. ‘Domani presentiamo molte iniziative, vedrete’, sfugge al sindaco Dario Nardella poco prima di consegnare i Fiorini al Forte Belvedere. Una corsa contro il tempo, gli altri eventi dell’Estate Fiorentina sono già stati programmati. Di sicuro, sbarcheranno molte orchestre e gruppi da camera diretti dal maestro Giuseppe Lanzetta. Il direttore è già stato in precedenza sfruttato per eventi simili, in momenti difficili per la convivenza in Santo Spirito tra residenti e realtà antagoniste: in un paio di occasioni, fu lui stesso a ‘mediare’, parlare, confrontarsi, con chi protestava in piazza. Non solo: alcune delle competizioni delle Olimpiade fiorentine, partite pochi giorni fa e che coinvolgono gli atleti dilettanti tesserati di tutta la provincia, potrebbero essere portati sul sagrato, a partire da quelli ‘statici’, cioè scacchi e bridge, per esempio. E almeno fino a mezzanotte”. Repubblica, il 27 giugno, scrive così: “Occupare il sagrato di Santo Spirito con avvenimenti artistici e culturali. E’ questo il piano su cui sta lavorando il sindaco Dario Nardella insieme ai suoi assessori. Uno spaccato di quanto accadrà durante l’estate lo abbiamo già avuto in questo weekend, con la ‘Traviata’ diretta dal maestro Giuseppe Lanzetta, per piano, archi e voci, uno spettacolo andato avanti venerdì fino quasi alla mezzanotte e che ha attirato, nonostante qualche problema iniziale con la corrente, l’attenzione di chi si è presentato in piazza e anche di chi occupava i tavoli per mangiare e bere. Ieri sera invece la volta di una dimostrazione di bridge, dalle 19 alle 21, in collaborazione con Asd circolo del bridge Firenze ‘Camillo Pabis Sticci’, in attesa dei tornei veri e propri della stessa disciplina che si svolgeranno proprio sul sagrato martedì 29 giugno dalle 18.45 in poi all’interno delle Olimpiadi metropolitane dello sport. Questo è l’indirizzo che vuole dare l’amministrazione. Palazzo Vecchio sta lavorando a un programma che preveda la realizzazione di altri eventi da organizzare sul sagrato, in modo da evitare che lo spazio possa essere occupato come accaduto finora. Da Palazzo Vecchio filtra che una delle idee è quella di occupare le serate del venerdì e del sabato, che sono quelle che preoccupano di più”.

 

Infrastrutture

Su La Nazione del 26 giugno un focus sulle infrastrutture. “Riflettori romani – si legge – puntati su Firenze che in due giorni è stata il crocevia di quasi tutta la compagine del governo Draghi. Occasione importante per fare il punto sulle grandi opere che la città aspetta. Il grand tour del sindaco Nardella in realtà è iniziato mercoledì con un primo confronto con il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini. Che ieri non si è sottratto nemmeno all’incontro con il presidente della Regione Eugenio Giani. Ma, complice l’evento di SkyTg24 live in Firenze, il sindaco ieri ha dato il via a una serie di consultazioni su tutti i temi caldi per la città. Dal ministro per l’ambiente Roberto Cingolani, al titolare del dicastero per l’innovazione tecnologica Vittorio Colao, al ministro dell’interno Luciana Lamorgese, al ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi fino alla ministra per gli affari regionali Mariastella Gelmini. E oggi le consultazioni proseguono con il ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Renato Brunetta e con quello della giustizia Orlando”. Sull’alta velocità fiorentina “i lavori sono ripartiti. Lo scavo vero e proprio del nuovo tunnel partirà in autunno. Fipili: in questo caso è stato il governatore Giani a tirare le orecchie alla città Metropolitana perché utilizzi al più presto i 4 milioni già stanziati per i lavori di ripristino. Autostrade: via al più presto alla terza corsia tra Firenze-Prato e Pistoia. Ma il sindaco Nardella ieri ha parlato con il ministro Giovannini anche del rilancio del comitato interministeriale per le politiche urbane. (…) Altri temi: i bus a emissioni zero, le piste ciclabili e naturalmente la tramvia: ‘Stiamo aspettando – dice Nardella – di sapere, dopo i finanziamenti delle linea per Campo di Marte e Rovezzano, quando il Mio darà il via ai fondi per il secondo lotto della linea 4, quello che raggiungerà Campi. Ma ho parlato anche del collegamento fra Careggi e il Meyer e di quello fra l’aeroporto di Peretola e Sesto Fiorentino. La grande carta che ho giocato è il completamento del sistema tranviario fiorentino’. Obiettivo poi idrogeno. Il Pnrr ha un fondo da 3 miliardi e mezzo. E Nardella ha detto al ministro Roberto Cingolani di avere intenzione di presentare alcuni progetti in partership con alcune aziende, fra questi il treno per Ravenna insieme a Regione e Rfi”.

LUGLIO 2021
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 01