Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Rassegna Stampa

6 – 12 settembre 2022

Intervista a Dario Nardella

Si legge su La Nazione del 6 settembre un’intervista al sindaco di Firenze Dario Nardella che parla anche di infrastrutture: “Sulla Tav ci sono molte cose su cui Rfi è in ritardo o non fornisce garanzie: la collaudabilità dello scavalco è un punto critico, come il finanziamento del People mover. Il rischio è che la stazione Foster resti una cattedrale nel deserto: la tramvia da sola non basta. Eppoi la struttura del cantiere doveva essere coperto: è esposto alle intemperie da 7 anni e non c’è chiarezza sulla manutenzione. Sull’aeroporto la buona notizia è che sull’aerostazione si applicheranno le semplificazioni previste per le opere del Pnrr. Entro la fine del mandato potremmo iniziare i lavori della nuova aerostazione e quelli della pista. E visto che è un tema di campagna elettorale ribadisco di non aver mai modificato la mia posizione favorevole. Con la pista attuale i fiorentini si trovano ad avere voli dalla mattina alle 6 fino a tarda serata a 100 metri di altezza”.

 

Viola Park

Su Repubblica del 7 settembre si trovano le dichiarazioni del presidente della Fiorentina Rocco Commisso, infastidito per i ritardi al Viola Park, il centro sportivo viola: “Le cose non stanno andando bene – dice -. La colpa ce l’hanno i miei, l’architetto, un po’ tutti. Il progetto non sta andando avanti come speravo. La villa è completamente allagata dopo l’alluvione che c’è stata ad agosto, il piano sotterraneo l’ho trovato pieno d’acqua. Il problema adesso è che prima di marzo non saranno finiti i lavori, a dicembre non possiamo inaugurarlo e sposteremo le squadre a maggio. Ho incontrato il sindaco Casini e mi ha detto che la tramvia verrà fatta entro due anni, mentre il parcheggio sarà pronto per maggio-giugno”.

 

Stadio Artemio Franchi

Sul Corriere Fiorentino del 7 settembre spazio alle parole del presidente della Fiorentina Rocco Commisso sul restyling dello stadio Artemio Franchi: “Tra una decina di giorni ci vedremo con Arup, voglio sapere cosa e dove possiamo costruire fuori dallo stadio, in che tempi e con quali costo. Di certo, se vogliono i soldi di Rocco, mi devono dare il ‘control, control, control’. Avere il controllo significa poter comandare e decidere all’interno dello stadio, significa una concessione a 99 anni come ha avuto la Juventus, o come hanno avuto Atalanta e Udinese. Senza tutto questo i soldi di Rocco se li possono scordare. Se mi piace il loro progetto? Io non ho niente contro lo stadio, l’importante è che lo facciano. Da Palazzo Vecchio si vede una gru che sta lì da 20 anni, io ci ho messo 22 mesi per fare la Mediacom”. Sul Corriere Fiorentino del 10 settembre si parla della stima dei ricavi del Franchi che “frutterà 33 milioni di ricavi annui”. Palazzo Vecchio, si legge, studia una concessione da 50 anni.

 

Tramvia Firenze Firenze

Su Repubblica del 7 settembre si legge: “Si aggiorna il cronoprogramma della tramvia Fortezza-piazza San Marco, la famosa Vacs. Dopo l’amara sorpresa della cosiddetta fase zero, ossia la sistemazione dell’area intorno da completare, adesso la previsione è recuperare i ritardi in 14 mesi. Una soluzione arrivata dopo che l’assessore alla mobilità del Comune, Stefano Giorgetti, si era infuriato”.

OTTOBRE 2022
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09