Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze
Articolo / Enti , Istituzionali , Ordine

Realizziamo la loggia Isozaki non un muro verde

Lettera aperta al Ministro e al Sindaco

E’ stata firmata da Ordine Architetti PPC Firenze, Fondazione Architetti Firenze, Ance Firenze e Fondazione Michelucci, la lettera di appello indirizzata al Ministro Sangiuliano e al Sindaco Nardella per la realizzazione della Loggia Isozaki.

La lettera aperta pone l’attenzione sulla vicenda che impatta fortemente da anni sul centro storico di Firenze e sul Museo degli Uffizi: l’uscita della Galleria degli Uffizi.

“Il progetto Isozaki, risultò nel 1999 vincitore del concorso internazionale. Oggi realizzare tale progetto, donando a Firenze una opera d’arte contemporanea, diventa una questione di principio oltre che culturale, e per farlo è necessario dimostrare coerenza nelle scelte per lo sviluppo urbanistico di Firenze, aprendo le porte all’architettura contemporanea progettata in questo caso dall’architetto Arata Isozaki.”

“Oggi avvertiamo il pericolo di un nuovo passo indietro che si concretizza con l‘ipotesi ministeriale di un “muro verde” in sostituzione della Loggia di Isozaki.

Un “muro verde”, poco contestualizzato e di difficile manutenzione, come già sperimentato a Firenze nel recupero del complesso delle Murate, contro una struttura in acciaio e pietra che, nelle intenzioni dei progettisti che la immaginarono 25 anni fa, riproporrebbe la loggia dei Lanzi in Piazza del Grano con le stesse dimensioni o proporzioni originarie.

Non ci sembra davvero una valida alternativa per Firenze e per il patrimonio Architettonico nazionale, nonostante accarezzi l’anima green di tutti noi.”

La lettera si conclude con un invito alla realizzazione dell’opera senza più “se” e senza più “ma”. E con la messa a disposizione, da parte dei sottoscrittori, nell’organizzazione di un convegno sul tema “Architettura contemporanea e città storiche” e nella promozione di una serie di attività culturali per valorizzare il dialogo ed il confronto su un tema così complesso e delicato.

 

Leggi la lettera aperta

FEBBRAIO 2023
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 30
  • 31
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05