Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze

La riforma della professione

26 marzo 2012

Lunedì 26 marzo negli spazi del centro EX3 in viale Giannotti si è svolta la riunione degli iscritti all’Ordine degli Architetti di Firenze sul tema della riforma della professione, tema di estrema attualità.

La serata è stata anticipata e promossa attraverso una serie di comunicati e da una consultazione on-line realizzata per scandagliare le opinioni sul tema, di tutti i colleghi iscritti. La consultazione è stata allargata anche a molti altri ordini italiani, anche se il ritorno in termini di affluenza di questi ultimi non è stato elevatissimo. Da Firenze il 96% di risposte, dagli altri ordini solo il 4%. In termini numerici la consultazione ha ottenuto un buon risultato considerando un numero di partecipanti di circa 600 unità.

Durante tutto l’arco della serata si è registrata una presenza di circa 350 persone, smaltita la lunga coda al banchetto dedicato alla consegna dei caschi da cantiere personalizzati con il logo dell’Ordine a tutti coloro che lo avevano prenotato, si è partiti come da programma con una breve relazione sullo stato dell’arte relativamente alla nuova sede dell’Ordine argomentata dal Vice Presidente Mario Perini.
Ad oggi siamo in dirittura d’arrivo per la firma del contratto di affitto per la Palazzina Reale, attualmente di proprietà di Grandi Stazioni (Società FFSS). Credibilmente si può parlare di poter trasferire la sede nei nuovi locali non prima della primavera 2013. Il progetto di trasferimento è legato al fatto che l’edificio della Palazzina sarà oggetto di lavori di restauro e che quindi avranno necessità di tempi tecnici. L’aspetto interessante legato al restauro della Palazzina è stato il secondo intervento della serata fatto dal consigliere Giuseppe Rinaldi.
E’ stato anche comunicato che, poiché i lavori di recupero della Palazzina e non solo sono a carico dei Grandi Stazioni e quindi da Loro realizzati, l’Ordine cercherà tramite bando pubblico un collega disponibile ad adoperarsi come elemento di collegamento e coordinamento tra il Consiglio e Grandi Stazioni, durante tutta la durata dei lavori.
La serata è entrata nel vivo del tema principale con l’intervento di Antonio Bugatti, che ha velocemente e sinteticamente argomentato la situazione attuale della riforma, alla luce delle parti di essa già operative, e riepilogando quelle che sono le scadenze e gli indirizzi della riforma che il Governo sta già portando avanti.
Il Webmaster Lapo Bernardini, ha introdotto e spiegato i risultati scaturiti dalla consultazione via web, snocciolando cifre molto interessanti sia per gli aspetti prettamente numerici e quantitativi dei partecipanti, ma anche qualitativi in base ad una attenta analisi dei contenuti delle risposte e come queste si sono spalmate sul campione di colleghi che hanno risposto.
A seguire due interventi di membri della Commissione Professione che son entrati nel vivo delle proposte portate avanti dall’Ordine di Firenze.
Il collega Massimo Lastrucci ha introdotto il suo intervento riassumendo il grande lavoro svolto dalla sua commissione e facendo una panoramiche sulle normative, le competenze, quello che succede all’estero e le prospettive della professione; intervenendo poi tramite un analisi degli aspetti legati alle liberalizzazioni che ha portato anche a delle critiche sul fatto che si tratti realmente di liberalizzazione. La collega Marzia Magrini ha proseguito illustrando quella che ad oggi risulta la proposta “Firenze” e cioè LEGGE QUADRO NAZIONALE per le professioni tecniche che comprenda i temi delle competenze, un accorpamento e revisione sistemica delle normative in materia di urbanistica. AUTHORITY di livello che si suppone regionale con funzione di controllo cui demandare l’intera materia deontologica UNICA per l’area tecnica con funzione di tenuta dell’Albo, accreditamento formativo, esame di Stato e collaborazione Università. In questa struttura afferiscono anche varie parti sociali; ISTITUTO a livello locale con funzione di promozione dell’Architettura, con accesso diversificato, aperto anche ai cittadini e con possibilità di mobilità nell’ambito di giurisdizione dell’Authority, con attività di vario supporto che va dalle consulenze alla ricerca, all’organizzazione di eventi.
Il dibattito si è chiuso con un breve ma accalorato discorso del presidente dell’Ordine, Fabio Barluzzi che ha annunciato la partecipazione il giorno 30 marzo dell’Ordine di Firenze ad un incontro nazionale che si terrà a Torino, nel quale verranno portate proposte di riforma da più Ordini.
La serata si è conclusa con un’ottima serie di piatti proposti ai convenuti nel buffet organizzato nel foyer della sala.

Scarica il DOC
PRESENTAZIONE INTERVENTI SERATA
30/10/2014 14:41 – 667,65 kB

PROGRAMMA

Ore 18,30 Aperitivo e consegna nuovi caschi

Ore 19,00 Inizio assemblea

 MARIO PERINI (vicepresidente)
– introduzione e aggiornamento sugli sviluppi riguardanti la futura sede dell’Ordine

ANTONIO BUGATTI (consigliere)
– la situazione attuale alla luce delle riforme già operative- le scadenze e gli indirizzi della riforma che il governo sta’ attuando

LAPO BERNARDINI (Commissione Comunicazione)
– i risultati della consultazione on line

MARZIA MAGRINI (Commissione Professione)

MASSIMO LASTRUCCI (Commissione Professione)
– la posizione critica dell’Ordine di Firenze a confronto con altri Ordini

FABIO BARLUZZI (presidente)
– comunicazione della partecipazione all’evento di Torino e conclusioni
– presentazione del prossimo incontro

MICROFONO APERTO PER CHIARIRE DOMANDE, DUBBI, CONSIDERAZIONI

Ore 21,00 Buffet

 

LUGLIO 2017
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30