Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze

Attività 2009-2011

In coerenza con gli obiettivi che la commissione si era proposta sono state affrontate  le problematiche  della formazione muovendosi su due fronti: Università e Fondazione.
Negli incontri effettuati, il  prof. Mecca, preside della facoltà di Architettura,  ha concordato con la commissione sulla necessità di divulgare la cultura della sicurezza sin dal primo anno di università, riconoscendo il divario esistente nel settore  tra la facoltà di Architettura e altre istituzioni, prime fra tutte la facoltà di ingegneria.
E’ emersa quindi una unanimità di intenti che dovrebbe concretizzarsi con almeno due giornate di studio rivolte rispettivamente ai nuovi iscritti ed ai laureandi della facoltà di Architettura.
La necessità di interloquire e collaborare più intensamente con la Fondazione Architetti che gestisce i corsi per Coordinatori si è resa invece necessaria per migliorare, pur nell’ambito dei programmi ministeriali, l’insegnamento per i corsi di 120 ore e anche quelli per l’aggiornamento di 40 ore con l’obiettivo  di renderli più adeguati alla pratica dell’esercizio dell’attività di coordinatore.
A seguito di numerosi incontri si è concordato di istituire un comitato scientifico  ad hoc quale premessa per impostare un corretto percorso di riqualificazione ed implementazione di tutti i corsi sulla sicurezza.
Il comitato scientifico, che sarà ufficializzato entro il mese di gennaio 2012 avrà quindi il compito di revisione dei programmi didattici e delle modalità di svolgimento delle attività formative, di analisi dei curricola dei candidati docenti e di proposta di seminari dedicati a questioni specifiche
Un  gruppo di componenti della commissione, ha raccolto  una serie di dubbi interpretativi sugli articoli del testo unico sicurezza ed individuato, anche tramite informazioni ottenute  via e mail da colleghi, varie problematiche che si sono presentate svolgendo il ruolo di coordinatore. Parallelamente ha portato avanti, con il fine ultimo di arrivare a un confronto costruttivo che dovrebbe concretizzarsi con vari seminari, i rapporti con le istituzioni che hanno competenze e ruoli nel settore della sicurezza, primi fra tutti gli organi di vigilanza (ASL e ispettorato del lavoro) e Regione Toscana.
Il primo seminario, aperto a non più di 100 iscritti, per ottenere i crediti formativi sulle quaranta ore di aggiornamento, è previsto nel prossimo mese di giugno 2012 con la partecipazione anche delle istituzioni Regionali.
Obiettivo fondamentale di questo primo seminario è quello di chiarire aspetti  della normativa che si prestano a differenti interpretazioni  e analizzare le situazioni/motivazioni che portano a sanzionare anche i Coordinatori.   Abbiamo riscontrato infatti che molte sanzioni, seppure comminate ai coordinatori, poco hanno a che vedere con il loro ruolo, ma interessano prevalentemente obblighi e competenze delle imprese.
Altra tematica che la commissione sta portando avanti, con un gruppo ristretto di colleghi,  è la valutazione preliminare della fattibilità di realizzazione di uno strumento valutativo  dei rischi di natura matematico-statistica.
Sono stati reperiti presso INAIL i dati statistici relativi agli infortuni accaduti nell’ultimo quinquennio che serviranno di base per l’elaborazione di un prototipo di programma già richiesto a società specializzate del settore.

AGOSTO 2017
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20