Sito istituzionale dell'Ordine e della Fondazione degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze

IL SISMABONUS

Aggiornato al 8 novembre 2016

Gli sgravi fiscali del Sismabonus
Nel disegno di legge di bilancio 2017, attualmente all’esame della Camera dei Deputati, si introduce un notevole incremento della riduzione del credito di imposta Irpef nel caso di lavori di prevenzione sismica.
Si tratta di una novità rilevante ed attesa da decenni, che nel lungo periodo potrà avere un ruolo determinante alla riduzione della vulnerabilità e del rischio sismico del patrimonio edilizio italiano costruito senza criteri sismici.
L’efficacia dipende dalle risorse economiche che saranno rese disponibili nel corso degli anni tenuto conto dell’elevato numero dei comuni coinvolti la metà dei quali in zone 3 a bassa sismicità ma in aree economicamente più forti, del vantaggio dovuto alla riduzione degli anni per il recupero d’imposta, dell’estensione alle seconde case e delle procedure di attuazione.
Le categorie professionali saranno quindi interessate da un nuovo impegno formativo non solo per la prossima emanazione delle procedure di classificazione sismica delle costruzioni ( da più parti si chiede la creazione di specifici albi) ma anche per la contemporanea emanazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni che sostituiranno quelle del 2008.

 

Il testo della Legge di Bilancio 2017 relativa al sismabonus, prevede:
a. l’estensione anche alle zone 3, oltre alle zone 1 e 2 (quelle più esposte al rischio sismico) già previste nelle precedenti normative; si passa dai circa 3.000 comuni delle zone 1 e 2, agli oltre 4.600 comuni e in termini di stima delle abitazioni da circa 4,4 milioni presenti nelle zone 1 e 2 ad oltre 8,1 milioni;
b. l’estensione dei benefici anche alle seconde case e non solo a quelle principali come previsto dalle norme attuali. La possibilità va messa in relazione alla necessità di rendere fattibili gli interventi nei centri storici ove le proprietà e quindi le strutture sono strettamente connesse tra loro;
c. la riduzione della durata di recupero del credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi da 10 a 5 anni. La novità è molto positiva e serve a rendere più interessante la misura dell’agevolazione anche se comporta un maggior impegno per il bilancio dello Stato;
d. l’accesso alle agevolazioni del sismabonus ed alle diverse soglie delle aliquote previste, attraverso:
– la definizione di una procedura di valutazione della classificazione sismica degli edifici residenziali e produttivi;
– la modalità di attestazione dell’efficacia degli interventi, da parte di professionisti abilitati;
– l’approvazione con un successivo Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sentito il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, entro il 28 Febbraio 2017. Nei giorni scorsi il Ministro Del Rio ha chiesto di accelerare i tempi per un’approvazione entro dicembre 2016. L’obiettivo è quello di rendere quanto più univoca, omogenea ed efficace possibile la strategia di prevenzione sismica. Gli esiti dovranno trovare un comune denominatore tra la necessità di rispondere in termini di sicurezza prevista dalle vigenti normative tecniche per la salvaguardia della vita umana o quelli di un indicatore tecnico – economico del rapporto costo-benefici tra gli interventi strutturali possibili.
e. aliquote di detrazione con soglie diverse:
– al 50% in caso di interventi eseguiti senza le procedure della classificazione sismica;
– al 70% in caso di interventi che riducono la classe di rischio di una posizione;
– al 80% in caso di interventi che riducono la classe di rischio di due posizioni;
– all’ 85% nel caso di interventi che riducono la classe di rischio di due posizioni ma che i lavori interessano parti comuni dei condomini.
Il carattere “premiale” dell’aumento dell’aliquota dell’agevolazione, rende molto interessante il ricorso alla procedure di classificazione sismica.

Testo della Legge di Bilancio 2017

AGOSTO 2017
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20